Rilasciata l’App ufficiale INRL


Nasce l’App ufficiale INRL, disponibile per tutti gli smartphone Apple e Android.

L’app è TOTALMENTE GRATUITA e tutti gli iscritti all’INRL potranno utilizzarne tutte le funzionalità ad oggi previste.

Potete cercarla nel Play Store (Android) o nell’App Store (iPhone) scrivendo “INRL” oppure “Istituto Nazionale Revisori Legali” e installarla sui vostri dispositivi Smartphone.
Essendo appena stata rilasciata potrebbe non apparire tra i primi risultati in alto nella ricerca, scorrete in basso la lista finché non vedrete il nostro logo che è associato SOLO alla nostra app ufficiale.

Una schermata dell’App ufficiale INRL

L’applicazione INRL, in questa prima versione di rilascio, vi permette di tenervi aggiornati con le novità sul mondo della revisione legale, di entrare nella vostra area personale e visualizzare il vostro tesserino in formato digitale, di verificare la vostra posizione e, man mano che saranno aggiornati, i vostri crediti formativi maturati con l’INRL.
Quando, terminata l’emergenza Covid, sarà possibile organizzare nuovi eventi frontali l’app vi consentirà di iscrivervi ai seminari anche direttamente da smartphone.

Per accedere all’area personale è sufficiente cliccare sul tasto LOGIN ed inserire la vostra email con cui siete registrati all’INRL  e nel campo Password il vostro Numero di iscrizione all’INRL.  Cliccando su “Accedi” avrete accesso ai vostri dati riservati.

Nei prossimi aggiornamenti sarà inoltre inclusa la funzione per rinnovare la quota associativa direttamente dall’app.

Ogni vostro feedback per implementare e migliorarne le funzionalità in futuro sarà chiaramente gradito.

L’INRL compie così un altro passo nel percorso di modernizzazione e di avvicinamento alle vite degli iscritti, entrando direttamente nei nostri telefoni.

Invitiamo dunque tutti voi iscritti INRL a scaricarla sui vostri smartphone, la segreteria sarà come sempre a Vostra disposizione per ogni utile supporto.

Previous Lettera Aperta Presidente - 31 marzo 2020
Next Pieno successo della prima videoconferenza con i delegati regionali Inrl